Ti sarà inviata una password per E-mail

 

Alzi la mano chi non ha mai vacillato davanti ad una importante decisione? Se è successo anche a te potrebbe darsi che sia stata colpa della vocina interiore che troppo spesso ci blocca e non ci fa fare quel salto di qualità che tanto desideriamo.

Quante volte ci siamo detti:

“Questa cosa non riuscirò mai a farla!”

Mandando così a gambe all’aria incredibili possibilità di vivere la vita a pieno ed evitanto altrettante soddisfazioni che mai più torneranno. Uscire dalla propria zona di comfort è spesso un ostacolo insormontabile ma necessario se vogliamo davvero vivere la nostra unica vita in modo unico e senza rancori.

Nel corso della nostra vita tutti noi assumiamo modelli di comportamento e convinzioni limitanti che ci rinchiudono in una specie di recinto che sembra invalicabile. Dall’altra parte abbiamo il timore di vivere sconforto difficoltà e le nostre più spietate paure.

Ma andare oltre è l’unica via per vivere davvero.

Voglio elencare in questo articolo 3 metodi per vivere la vita senza condizionamenti interiori.

 

1 Sii responsabile della tua vita.

La vita è solo una e dobbiamo ringraziare ogni giorno di essere al mondo e soprattutto di essere nati in questa parte del mondo ed ai giorni nostri.

Abbiamo la possibilità di fare qualunque cosa vogliamo e senza limitazioni. Hai in mano tutte le carte per far della tua vita un capolavoro senza precedenti.

Solo te sei il regista, l’attore principale e lo sceneggiatore della tua vita, tutto il resto è contorno. Siamo venuti al mondo da soli e ce andremo da soli, queste sono le uniche cose che non possiamo decidere.

Smettila di perdere tempo con convinzioni sbagliate e deterrenti che non ti portano da nessuna parte, anzi ti faranno solo intristire e rimpiangere di non essere abbastanza forte.

Affronta la verità del mondo in cui vivi e fai quello che vuoi, sii responsabile della guida della tua vita senza lasciarti distrarre da false verità.

2 Non prenderti troppo sul serio

Ti sei mai chiesto qual’è il senso della vita? Perché siamo venuti al mondo?

La risposta è una sola:

Siamo al mondo per vivere emozioni.

Abbiamo i giorni contati su questo pianeta, vuoi davvero sprecarne un altro ancora rinchiuso in casa tua a guardare il soffitto mentre le ore passano tutte uguali?

Ridere ci aiuta a vivere, e non prendersi troppo seriamente ci aiuta ad alleggerire il peso della vita e delle nostre emozioni. Non prendersi troppo seriamente è il primo passo per iniziare una nuova esistenza libera da fardelli troppo pesanti per le nostre spalle.

Usa la paura come una tua confidente e come una tua amica di viaggio, lei sa essere prudente, ma non lasciarti mai dettare la strada della tua vita dalla paura, diventerebbe uno strazio.

Solo te puoi scegliere come vivere, evita di ascoltare troppe campane e vivi come vuoi vivere, sono sicuro che te sai perfettamente quello che vuoi.

3 Vivi i fallimenti come una lezione positiva.

In alcune culture il fallimento è molto apprezzato, è una lezione di vita che aiuta a crescere e a formare il nostro carattere.

Noi Italiani siamo un po’ sbruffoni e riteniamo spesso che se hai fallito sei un miserabile, ma la verità è ben altra, dovremmo imparare dagli americani, sempre super ottimisti e sicuri delle loro capacità.

Il fallimento pregiudica un analisi obiettiva delle motivazioni per le quali abbiamo fallito ed una conseguente risposta ai nostri errori.

Cosa ho sbagliato in tal situazione?

Come avrei invee dovuto fare?

La prossima volta che mi si presenta un tal situazione, come sarebbe giusto reagire?

Queste sono le domande che dobbiamo farci ad ogni fallimento, se non hai memoria scrivi un piccolo quaderno dove appuntarti ogni lezione di vita che apprendi nel tempo, e non dirti “ormai sono troppo vecchio/a per iniziare a fare questo”. Abbiamo sempre da imparare e dobbiamo sempre migliorarci, non solo per noi ma anche per tutte le persone che ci amano e che ci vogliono bene.

Non commiserarti mai dopo un fallimento, questa può essere un emozione distruttiva da tenere alla larga, non ha importanza se provi pena o pietà verso una persona o una situazione o verse te stesso.

Il rischio dell’automommiserazione è di cadere in un baratro senza via di uscita e rendere vani i tuoi tentativi di crescita.

Poco importa se hai 30 o 40 e nella tua vita non hai ancora fatto nulla di buono, accetta la situazione, prendi le redini della tua vita e cambia quello che non ti piace.